nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Notizie24.07.2019

Il cuore batte? Vietato l’aborto!

Molti Stati federali USA mirano a introdurre leggi restrittive sull’aborto

Ecografia.

(© Figura: Honeyriko/Shutterstock)

Mappa dell’America.

Azzurrino: «Legge del battito cardiaco» sottoposta in parlamento ma non ancora approvata. Blu scuro: «Legge del battito cardiaco» accolta dal parlamento e in procinto di essere posta in vigore. Grigio scuro: «Legge del battito cardiaco» accolta dal parlamento ma la cui esecuzione è stata bloccata per decisione giudiziaria. (© Figura: Nice4What / Wikimedia Commons (CC-BY-SA-4.0; modificata))

Le cosiddette «leggi del battito cardiaco» rendono punibile un aborto se il battito cardiaco dell’embrione è rilevabile mediante ecografia – quindi già a partire dalla 6a settimana di gravidanza. Tali leggi, tuttavia, non sono compatibili con l’aborto «legale» negli Stati Uniti. Su richiesta di fautori dell’aborto, la loro entrata in vigore è stata bloccata in tutti gli Stati.

Sulla questione si pronuncerà in ultima istanza la Corte Suprema. È ciò in cui sperano anche molti difensori della vita: la Corte Suprema, attualmente in una composizione più «pro vita», dovrebbe rivedere la decisione sulla legalizzazione dell’aborto del 1973. Non da ultimo per questo motivo vari Stati federali americani mirano a introdurre forti restrizioni sull’aborto. Finora sono dieci gli Stati federali il cui parlamento ha accolto una cosiddetta «legge del battito cardiaco» (vedi mappa). In altri sei Stati le consultazioni in parlamento sono ancora in corso.

 

IL CUORE NON C’È? Alcuni media (tendenti a sinistra) vogliono ora dare l’impressione che un embrione di 6 settimane non abbia ancora il cuore e quindi nessun battito cardiaco. Il New York Times, ad esempio, a fine maggio ha pubblicato un articolo dove parla, in modo cervellotico, del «pulsare di ciò che diventerà il cuore del feto».

Si tratta di affermazioni prive di fondamento scientifico, che mirano a negare lo status di essere umano all’embrione nel grembo materno. Da un paio di anni è ormai noto che il cuore umano inizia a battere già 16 giorni dopo il concepimento. Alla 6a settimana di gravidanza è quindi inequivocabilmente presente un battito cardiaco. È vero che molte donne si rendono conto di una possibile gravidanza solo a questo punto. Tuttavia, i test disponibili sul mercato possono stabilire in modo affidabile una gravidanza già 14 giorni dopo il concepimento.

 

LA SVIZZERA ARRANCA. Con una «legge del battito cardiaco» anche in Svizzera non vi sarebbero quasi più aborti «non punibili» e di riflesso una maggiore protezione dei nascituri. Tuttavia, in parlamento e presso gli elettori una legge simile non avrebbe effettive possibilità di essere accolta in questo momento. Quanto ai trend per la protezione della vita siamo indietro rispetto agli Stati Uniti... Tuttavia, la tendenza mostra come potrebbe presentarsi il quadro da noi fra qualche anno. L’Associazione Mamma si impegna a far sì che questo giorno arrivi quanto prima.

 

Video consigliati

Messaggio del Presidente USA alla Marcia per la Vita di Washington

Il 19 gennaio 2018, per la prima volta un Presidente USA in carica si è rivolto in linea in diretta ai partecipanti della «March for Life» a Washington D.C. Seguite, in questa ripresa dal giardino della Casa Bianca, le osservazioni introduttive del vicepresidente Mike Pence e poi il discorso di Donald J. Trump (durata totale 13 minuti circa). – Lingua: inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: whitehouse.gov

Così tanta gente ha preso parte alla March for Life 2018!

Il 19 gennaio 2018 si è tenuta sotto condizioni meteorologiche ideali la 45a March for Life (Marcia per la Vita) a Washington D.C. Vedete qui a volo d’uccello una ripresa, comprimata a 1 minuto di durata, del  corteo quasi interminabile di manifestanti! – Video senza sonoro – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: studentsforlife.org

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch