nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Politica21.11.2019

L’«onda verde» e la protezione della vita

Ovvero: quando dei partiti vincenti non ci vedono da un occhio…

Palazzo federale; colorata in verde.

Politica a Berna: dopo il 20 ottobre 2019, solo ancora occhiali verdi?... Speriamo di no! (© Figura: parlamento.ch; colorata in verde)

Già prima, e a maggior ragione dopo il 20 ottobre 2019, si parlava dell’«onda verde» che travolgeva la Svizzera: Verdi e Verdi liberali da record! Sfortunatamente, entrambi i partiti non contemplano nella loro agenda politica l’esistenza di un’ecologia _dell’uomo_. L’essere umano dovrebbe rispettare la propria natura, e di questo dovrebbe fare parte anche la protezione dei bambini non ancora nati!

Sono 17 i seggi guadagnati in Consiglio nazionale dai Verdi, 9 quelli guadagnati dai Verdi liberali. Speriamo che gli eletti in parlamento abbiano ringraziato Greta Thunberg e il suo «sciopero per il clima» (vedi anche il fotomontaggio qui in basso) per l’ottimo e gratuito sostegno ricevuto nell’anno elettorale!... Ma torniamo al punto: chi conosce la posizione di entrambi i partiti in tema di protezione dei bambini non ancora nati non può veramente rallegrarsi di questo successo. O, perlomeno, dovrebbe essere una gioia fortemente perturbata.

 

5577 BIOLOGI. Steve Jacobs, laureatosi all’Università di Chicago, ha presentato nel giugno 2019 il suo lavoro di dottorato in filosofia. Tema: l’aborto. Per la sua dissertazione ha chiesto a biologi di facoltà nel mondo intero, tra le altre cose, quando, secondo loro, iniziasse la vita di un essere umano. Non meno del 96 % delle 5577 risposte ricevute affermavano che la vita inizia con la fecondazione!

Così una volta di più, la scienza conferma che un bambino, prima della nascita, non può semplicemente essere considerato «un ammasso di cellule». Gli esponenti sia dei Verdi che dei Verdi liberali, nonostante le chiare evidenze biologiche, continuano tuttavia a parlare di un presunto «diritto» all’aborto. In pratica separano quanto invece fa parte della stessa cosa: la protezione dell’ambiente dovrebbe equivalere, in fondo, alla protezione della vita in senso lato. Ma se la protezione dei bambini non ancora nati non viene presa in considerazione, o addirittura deliberatamente ignorata, allora l’impegno per la salvaguardia dell’ambiente perde una parte sostanziale di valore.

 

UN COMPITO PERSONALE. Qual è allora l’impatto dell’«onda verde» sulla protezione della vita? Dobbiamo prendere atto che i Verdi e i Verdi liberali stanno attualmente cavalcando l’onda del successo. Ma proteggere la natura senza proteggere anche la vita umana, significa essere ciechi da un occhio. A maggior ragione noi, come difensori della vita, nei prossimi tempi avremo il compito di far capire alle persone preoccupate per l’ambiente che è antiecologico non proteggere gli esseri umani non ancora nati.

 

Greta Thunberg a Davos con un cartello dicendo «Sciopero per i bambini non ancora nati» (fotomontaggio / testo montato).

Il cartello di Greta, diverso… solo una proposta. Montaggio; foto originale: Davos, 23 gennaio 2019 (© Valentin Flauraud / Keystone; testo montato).

 

Video consigliati

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch