nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Notizie20.02.2020

A Ginevra la gente si attiva per la vita

Invito alla preghiera, al digiuno e a partecipare a eventi pubblici

40 giorni per la vita a Montreal.

«Pregate per la fine dell’aborto» è il motto che ci accompagnerà dal 26 febbraio al 5 aprile 2020, non solo nella francofona Montreal (Canada), come nella foto, ma anche, per la prima volta, a Ginevra. (© Figura: George Buscemi / cqv.qc.ca)

Per la prima volta dei difensori della vita della Svizzera romanda si uniscono al movimento internazionale «40 giorni per la vita» per partecipare, dal 26 febbraio al 5 aprile 2020, alla preghiera per la fine dell’aborto.

Il movimento «40 Days for Life» è nato nel 2004 in Texas (USA) da un’azione di preghiera promossa da un piccolo gruppo di persone appostate davanti a una clinica per l’aborto, che qualche anno più tardi dovette chiudere. Il movimento si è poi diffuso internazionalmente e si attiva ora due volte l’anno per 40 giorni. Esso poggia su tre pilastri: (1) Preghiera e digiuno: i partecipanti sono invitati a pregare, in particolare perché abbia fine l’aborto. La preghiera è accompagnata dal digiuno. (2)  Protesta silenziosa: i partecipanti si alternano, spesso giorno e notte, nel presidiare costantemente e in modo pacifico un luogo all’esterno scelto con cura. (3) Sensibilizzazione dell’opinione pubblica, per aumentare la consapevolezza della tragedia dell’aborto. Il messaggio viene diffuso attivamente in vari modi.

Dalla sua fondazione, la campagna «40 Days for Life», ha già salvato la vita di migliaia di bambini non ancora nati e contribuito alla chiusura di oltre 100 strutture per l’aborto.

 

I «40 GIORNI» A GINEVRA. Il Canton Ginevra ha il più alto tasso di aborti della Svizzera. Alla luce di questo allarmante fatto, a Ginevra un gruppo di giovani si è riunito con l’obiettivo di fare qualcosa per porre fine alla tragedia. Alcuni hanno già preso parte altrove ad un’azione «40 Days for Life» e hanno perciò proposto di portarla a Ginevra. Questo momento è arrivato e sarà dal 26 febbraio al 5 aprile!

L’obiettivo di questa «prima» a Ginevra è anzitutto rendere consapevoli le persone dell’importanza della lotta per la vita. I giovani si fidano audacemente della capacità di Dio di cambiare le cose e il cuore delle persone, e che la preghiera, il digiuno e il portare testimonianza possano aiutare a salvare vite. Sono previsti momenti di preghiera e di digiuno quotidiani, ogni giorno 12 ore di protesta silenziosa (ripartita su vari gruppi) e vari eventi pubblici, oltre alla diffusione di resoconti mirati sull’aborto.

 

AZIONI MULTIPLE, STESSA LOTTA. L’Associazione Mamma saluta con piacere questa iniziativa e la sostiene attivamente. Completa infatti splendidamente la «Preghiera per la vita» che abbiamo lanciato di recente. Nel caso dei «40 giorni per la vita», si tratta di manifestazioni limitate nel tempo ma molto intense che mirano a rafforzare la consapevolezza dell’urgenza della lotta per la vita. La preghiera per la vita promossa dall’Associazione Mamma agisce invece sul lungo termine e si prefigge di mantenere la causa della vita al centro delle nostre azioni.

Abitate a Ginevra o nei dintorni? Allora non esitate a partecipare ai «40 giorni»: i giovani organizzatori contano su di voi! Se abitate altrove, potete sostenere questa preziosa azione con le vostre preghiere!

 

Trovate informazioni dettagliate in Internet: 40daysforlife.com/geneva.

 

Video consigliati

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch