nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Ulteriori news
Politica19.11.2015

DPI: Si arriverà al referendum?

Un appello last minute: inviare le firme!

Caricatura «Mondo perfetto» di Thomas Plaßmann.

HANDICAPPATO?… MA COME, NON AVETE FATTO LA SELEZIONE?! – «Mondo perfetto» grazie alla DPI? (© Caricatura: Thomas Plaßmann)

Affinché il popolo possa votare sulla selezione embrionale, 50'000 cittadini aventi diritto di voto devono aver sottoscritto il referendum. Non è ancora sicuro che entro il 10 dicembre 2015 si raggiungerà questo numero.

Riguardo alla selezione embrionale, il Parlamento svizzero ha deciso un’ampia liberalizzazione, nell’ambito della diagnosi preimpianto (DPI). Da settembre varie organizzazioni stanno raccogliendo firme contro la legge modificata sulla medicina della procreazione (LPAM).

 

Ogni firma conta… Normalmente, la raccolta delle firme dovrebbe andare da sé – in realtà questa, fino alla conclusione, fa stare sempre di più sulle spine: a metà del tempo a disposizione era stato raccolto solo il 37 % delle firme necessarie. Esercitando adesso un grande sforzo nel mese di novembre, speriamo di poter arrivare al numero di 50'000. Ultimamente le previsioni sono migliorate, ma il conseguimento del referendum non è sicuro.

Perciò rivolgiamo qui un ultimo (urgente) appello a tutti coloro che abbiano ancora giacenti da qualche parte firme contro la legge modificata LPAM, di inviarle subito al comitato referendario. Infatti il termine per il referendum scade il 10 dicembre 2015, però siccome le firme dovranno essere ancora autenticate, l’ultimissimo momento per l’invio è fine novembre. Chi ha bisogno di un nuovo formulario per le firme può scaricarlo in Internet da stop-alla-dpi.ch. Ogni, ogni, davvero ogni firma conta.

 

… e ogni franco pure. Fin d’ora si prevede che alla fine della raccolta delle firme ci sarà un gran vuoto nella cassa dell’associazione. La stampa e la spedizione dei formulari per le firme, gli allegati in periodici e altre pubblicazioni, il ricevimento delle autenticazioni dai 2400 comuni comportano enormi costi. Per questo ogni offerta è urgentemente benvenuta. Cordiali ringraziamenti per il vostro impegno e la vostra cooperazione.


Di stretta misura: Il 10 dicembre 2015 si dovranno depositare nella Cancelleria federale a Berna 50'000 firme convalidate.

 

Video consigliati

Messaggio del Presidente USA alla Marcia per la Vita di Washington

Il 19 gennaio 2018, per la prima volta un Presidente USA in carica si è rivolto in linea in diretta ai partecipanti della «March for Life» a Washington D.C. Seguite, in questa ripresa dal giardino della Casa Bianca, le osservazioni introduttive del vicepresidente Mike Pence e poi il discorso di Donald J. Trump (durata totale 13 minuti circa). – Lingua: inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: whitehouse.gov

Così tanta gente ha preso parte alla March for Life 2018!

Il 19 gennaio 2018 si è tenuta sotto condizioni meteorologiche ideali la 45a March for Life (Marcia per la Vita) a Washington D.C. Vedete qui a volo d’uccello una ripresa, comprimata a 1 minuto di durata, del  corteo quasi interminabile di manifestanti! – Video senza sonoro – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: studentsforlife.org

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch