nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Ulteriori news
Notizie29.03.2016

Questo medico ha abortito centinaia di bambini; adesso apre gli occhi a migliaia di persone

I nuovi video d’informazione si diffondono a tutta velocità

Dr. Anthony Levatino.

Il Dr. Anthony Levatino, come appare nei nuovi video in Internet.

Illustrazione dal video di un aborto oltre il terzo mese della gravidanza.

Illustrazione dal video di un aborto oltre il terzo mese della gravidanza tramite dilatazione cervicale (figura) e evacuazione chirurgica dell’utero. (© Figure: Live Action/YouTube)

Il 24 febbraio 2016, l’organizzazione americana per la protezione della vita Live Action ha reso pubblici quattro brevi video nei quali il ginecologo Dr. Anthony Levatino illustra, attraverso immagini animate, i più comuni metodi di aborto. I video sono sconvolgenti – e possono adesso occupare il posto del film «L’urlo silenzioso», ormai avanzato negli anni.

«L’urlo silenzioso» del Dr. Bernard N. Nathanson è un film documentario, della durata di 28 minuti, che mostra un bambino non ancora nato, ripreso agli ultrasuoni durante l’aborto. Il film continua a colpire, però frattanto risente anche degli anni – la produzione è del 1984. Perciò è tanto più conveniente che ora, con i video della Live Action, compaia qualcosa di moderno, adatto a dare il cambio all’«Urlo silenzioso».

E che cambio! Entro 24 ore dalla sua comparsa, il primo dei quattro cortometraggi, della durata di pochi minuti solamente, fu visionato in Internet oltre 3 milioni di volte. Per di più questi video possono davvero raggiungere anche il cuore di fautori dell’aborto e indurre costoro alla riflessione e al ripensamento: Live Action ha già raccolto centinaia di reazioni su tale materia. L’esperienza mostra che riesce più difficile giustificare un aborto «una volta che si sia conosciuta la crudele realità di ciò che questo cagiona su un bambino non ancora nato», secondo le parole della Presidente di Live Action, Lila Rose.

 

Da Saulo a Paolo. Come a suo tempo il Dr. Nathanson, anche il Dr. Anthony Levatino è un ginecologo, passato, riguardo all’aborto, da Saulo a Paulo. Nei primi otto anni della sua carriera come ostetrico e ginecologo aveva praticato oltre 1200 aborti, un centinaio dei quali oltre il terzo mese della gravidanza. Fu la morte della figlia adottiva, di neanche sei anni, in un incidente, che avviò la sua trasformazione da fautore dell’aborto a difensore della vita.

Ora, dunque, l’ex abortista, chiarisce nei nuovi video i quattro più comuni metodi di aborto in USA (pillola abortiva; raschiamento per aspirazione; dilatazione cervicale e evacuazione chirurgica dell’utero; uccisione del bambino con un’iniezione nel cuore e induzione del travaglio). Questi video aprono davvero gli occhi. «Lo straordinario sguardo nel grembo materno scalza il mito del ‹grumo di cellule› rimosse con l’aborto», dichiara Lila Rose. E dimostra che invece «così si uccide un bambino in carne e ossa, il cui cuore comincia a battere già 3½ settimane dopo il concepimento.»

 

Link al Sito web dei quattro video d’informazione: AbortionProcedures.com (in lingua inglese)

 

Video consigliati

Messaggio del Presidente USA alla Marcia per la Vita di Washington

Il 19 gennaio 2018, per la prima volta un Presidente USA in carica si è rivolto in linea in diretta ai partecipanti della «March for Life» a Washington D.C. Seguite, in questa ripresa dal giardino della Casa Bianca, le osservazioni introduttive del vicepresidente Mike Pence e poi il discorso di Donald J. Trump (durata totale 13 minuti circa). – Lingua: inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: whitehouse.gov

Così tanta gente ha preso parte alla March for Life 2018!

Il 19 gennaio 2018 si è tenuta sotto condizioni meteorologiche ideali la 45a March for Life (Marcia per la Vita) a Washington D.C. Vedete qui a volo d’uccello una ripresa, comprimata a 1 minuto di durata, del  corteo quasi interminabile di manifestanti! – Video senza sonoro – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: studentsforlife.org

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch