nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Ulteriori news
Notizie23.05.2016

Bebè finlandesi dormono in uno scatolone

Il «pacchetto maternità», un’istituzione originale

Bebè in un «pacchetto maternità» finlandese.

Solo il bebè non e compreso nella fornitura…

Veduta del «pacchetto maternità» finlandese.

… Tutto il resto arriva in regalo alle mamme finlandesi con il «pacchetto maternità» («Äitiyspakkaus») del governo, per il lieto evento. (© Figure: Annika Söderblom/Kela)

In Finlandia, la prima attrezzatura per il neonato è assegnata dallo stato. In un robusto contenitore di cartone, che può servire anche da primo lettino, sono imballati 50 vari prodotti. L’idea fa scuola in tutto il mondo.

Tutte le circa 60'000 gestanti annuali della Finlandia ricevono dall’assicurazione sociale statale, finanziata dal fisco, il «pacchetto maternità», o, a scelta, una dotazione unica di 140 euro. La maggior parte (95 %) decide per il pacchetto – contenente oltre a svariati generi d’abbigliamento per neonato, anche numerosi prodotti per l’igiene infantile, e addirittura un animale di stoffa e un primo libro di illustrazioni, tutti oggetti di qualità. Il loro assortimento, come pure la presentazione del contenitore, viene periodicamente rinnovata.

 

Minore mortalità infantile. In Finlandia sembra essere diventata tradizione far dormire in questi contenitori i neonati nelle loro prime settimane e mesi di vita. Per tale scopo, il pacchetto contiene anche un adeguato materassino e l’occorrente per letto. Che il sonno nel letto dei genitori costituisca per i lattanti un rischio di soffocamento è una questione controversa in campo specialistico. Comunque sia, in Finlandia, dall’introduzione del «pacchetto maternità» il tasso di mortalità dei lattanti è retrocesso a uno dei valori i più bassi del mondo. Naturalmente ciò può avere anche altre ragioni, per esempio la migliorata assistenza medica durante la gravidanza.

 

Dalla Finlandia in giro per il mondo. Oggi in Finlandia il «pacchetto maternità» esiste già da oltre 75 anni, e ormai fa parte integrante della cultura finlandese. All’inizio, ossia dal 1938, era riservato alle madri con basso reddito. Dal 1949 sono beneficiarie tutte le madri.

In regioni del Sudafrica e dell’India, ma anche in alcuni ospedali dell’Inghilterra, in USA, Canada e Australia sono in atto programmi in base ai quali le gestanti ricevono pure gratuitamente una prima dotazione per il neonato. Contenitore e contenuto sono in questi casi conformi alla situazione locale. Nel frattempo alcune abili persone si sono accorte che il «pacchetto maternità» può costituire anche un ramo commerciale: nella stessa Finlandia e anche in altri paesi sono sorte imprese che producono e vendono «Baby-Box» in tutto il mondo.

 

Video consigliati

Messaggio del Presidente USA alla Marcia per la Vita di Washington

Il 19 gennaio 2018, per la prima volta un Presidente USA in carica si è rivolto in linea in diretta ai partecipanti della «March for Life» a Washington D.C. Seguite, in questa ripresa dal giardino della Casa Bianca, le osservazioni introduttive del vicepresidente Mike Pence e poi il discorso di Donald J. Trump (durata totale 13 minuti circa). – Lingua: inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: whitehouse.gov

Così tanta gente ha preso parte alla March for Life 2018!

Il 19 gennaio 2018 si è tenuta sotto condizioni meteorologiche ideali la 45a March for Life (Marcia per la Vita) a Washington D.C. Vedete qui a volo d’uccello una ripresa, comprimata a 1 minuto di durata, del  corteo quasi interminabile di manifestanti! – Video senza sonoro – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: studentsforlife.org

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch