nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Ulteriori news
Mamma interna23.09.2016

Le maggiori apprensioni dei lettori

Barometro delle apprensioni sulla protezione della vita 2016: il risultato

Apprensioni.

«Quali 5 temi vi preoccupano di più?» – 915 lettori hanno risposto. (© Figura: ostill/123RF)

Ai primi posti della graduatoria ci sono leggeri cambiamenti rispetto alle posizioni dell’anno passato e anche un nuovo entrato. L’apprensione principale n. 1 è ora la stessa in tutte le regioni linguistiche: «Sessualizzazione dalla scuola».

Nel termine tra il 20 luglio e il 29 agosto, sono stati 915 i lettori che hanno partecipato al sondaggio. Questi dovevano scegliere, tra i 15 temi proposti, i 5 giudicati al momento i più importanti per la Svizzera nell’ambito della protezione della vita. Dei partecipanti, ben due su tre di loro individuano come preoccupanti i progetti ufficiali di introdurre l’educazione sessuale obbligatoria fin dalla scuola dell’infanzia. Così già per la terza volta di seguito, il tema «Sessualizzazione dalla scuola» è stato designato con maggior frequenza – quest’anno non solo nella Svizzera di lingua tedesca, ma anche nel Ticino e nella Romandia.

Nuovo ingresso, al secondo posto: il 50,6 % dei partecipanti ritiene che il grosso pubblico non sia consapevole di ciò che un aborto arreca a un bambino non ancora nato («Informazione sull’aborto»). Il terzo posto è stato raggiunto – come per l’anno passato – dal tema della libertà di coscienza nella professione medica (v. anche questo articolo su mamma.ch). In quarta posizione per importanza figurano le conseguenze degli aborti, generalmente ignorate dalla società, e in quinta posizione l’increscioso tema del finanziamento degli aborti dell’assicurazione obbligatoria malattie.

L’Associazione Mamma ringrazia ancora cordialmente tutti coloro che hanno partecipato al sondaggio.

 

Video consigliati

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch