nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Ulteriori news
Notizie21.07.2017

È il «più grande talento 2017» della Romania

Quattordicenne priva di braccia e di cosce canta nel cuore di giuria e pubblico

Alberta «Lorelai» Mosnegutu.

Alberta «Lorelai» Moșneguțu il 2 giugno 2017 nel finale del talent show televisivo. (© Figura: Razvan Lupicavisual Idea)

La sua «menomazione» non ha menomato la capacità di Alberta Moșneguțu di sviluppare in pieno le sue attitudini. Per esempio l’eccellente idoneità al canto! Sotto il nome d’arte «Lorelai» ha partecipato al talent show televisivo «Românii au talent» – e ha vinto, il 2 giugno 2017, la finale di quest’anno.

Lorelai ha più di un talento. Abbandonata dalla madre naturale subito dopo la nascita a causa dell’assenza di braccia e di cosce della bambina, fu adottata da una assistente sociale che le dedicò tutto l’amore e l’attenzione possibili per il suo sviluppo. Alberta apprese a servirsi dei piedi come altri esseri umani delle loro mani e dita… Oggi è in grado di scrivere con perfetta grafia, disegnare e dipingere egregiamente, eseguire musica al keyboard e alla chitarra e anche servirsi di un laptop. Ha già illustrato libri e ne ha anche scritti!

 

«Missione: rendere più felici». La sua più grande dote appare essere però il canto. Con questo, in ogni caso, mosse alle lacrime tante persone, anche membri della giuria, nell’impegnativa eliminatoria del talent show televisivo rumeno (in Svizzera lo stesso formato è conosciuto sotto il titolo «I più grandi talenti svizzeri»). Dopo la sua prima entrata in scena nello spettacolo del 10 marzo 2017 uno dei membri della giuria azionò per lei addirittura il cosiddetto «golden buzzer»: di conseguenza fu scelta direttamente per la semifinale del 12 maggio. Da ultimo, nel televoto degli telespettatori per la finale del 2 giugno, Lorelai prevalse su dieci altri finalisti e vinse il premio in denaro di 120'000 euro.

«La mia missione è rendere il mondo più felice con i miei scritti e con i miei canti»: così Internet cita la ragazza, in una pagina rumena di informazioni per la protezione delle famiglie e della vita. Con la sua partecipazione e la sua vittoria nel talent show, Lorelai ha sicuramente ricordato in modo significativo alla Romania e al mondo che ogni vita è degna di essere vissuta – indipendentemente da quanto possa sembrare difficile!

 

Link a un videomontaggio di 10½ minuti con tutte le prestazioni musicali di Lorelai nel quadro dello show «I più grandi talenti della Romania»: youtu.be/uYbQJbHhne4.

 

Video consigliati

Messaggio del Presidente USA alla Marcia per la Vita di Washington

Il 19 gennaio 2018, per la prima volta un Presidente USA in carica si è rivolto in linea in diretta ai partecipanti della «March for Life» a Washington D.C. Seguite, in questa ripresa dal giardino della Casa Bianca, le osservazioni introduttive del vicepresidente Mike Pence e poi il discorso di Donald J. Trump (durata totale 13 minuti circa). – Lingua: inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: whitehouse.gov

Così tanta gente ha preso parte alla March for Life 2018!

Il 19 gennaio 2018 si è tenuta sotto condizioni meteorologiche ideali la 45a March for Life (Marcia per la Vita) a Washington D.C. Vedete qui a volo d’uccello una ripresa, comprimata a 1 minuto di durata, del  corteo quasi interminabile di manifestanti! – Video senza sonoro – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: studentsforlife.org

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch