nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Ulteriori news
Notizie23.05.2018

La storia della spilla «Piedini preziosi»

Tutto inizia con una foto toccante

Piedini, 12a settimana di gravidanza.

La foto originale dei piedini di un bambino abortito. (Figura: Dr. Russell Sacco)

Da quando esiste, la spilla «Piedini preziosi» è già riuscita a sensibilizzare innumerevoli persone sul diritto alla vita dei nascituri. Essa rappresenta i piedi di un bebè alla 12a settimana di gravidanza. Sono parecchie le persone coinvolte nella nascita di questo simbolo della protezione della vita...

L’aborto fu legalizzato negli Stati Uniti nel 1973. Poco tempo dopo, il Dr. Russell Sacco, allora medico anti-aborto in Oregon, entrò in contatto con un patologo che, dovendo eliminare i corpi di alcuni bambini abortiti, decise invece di conservarli in contenitori sotto formaldeide. Il Dr. Sacco fotografò i bambini abortiti: con le immagini voleva portare alla luce la verità, e cioè che abortire significava uccidere degli esseri umani veri. Per far capire le dimensioni, su una delle foto ritrasse fra le sue dita i piedini di un bebè soppresso alla 12a settimana di gravidanza.

Il Dr. Sacco mostrò casualmente questa toccante immagine (vedi foto) anche al Dr. John Willke, uno dei fondatori del movimento americano di protezione della vita. Il Dr. Willke ne fu molto commosso e la pubblicò nel suo «Manuale sull’aborto». A seguito di ciò, l’immagine si diffuse molto rapidamente in un numero crescente di pubblicazioni sul tema della protezione della vita.

Fu infine una donna, Virginia Evers, che nel 1974 ebbe la bella ispirazione che questi «piedini» sarebbero potuti diventare un vero simbolo della protezione della vita. Disegnò la prima spilla «Piedini preziosi» con tanta passione e amore per i non ancora nati!

 

Questo articolo si basa su un contributo dell’organizzazione americana di difesa della vita Live Action. Le spille «Piedini preziosi» sono sempre disponibili presso l’Associazione Mamma!

 

Video consigliati

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch