nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Ulteriori news
Notizie20.09.2018

Pianto di bebè riporta in vita la mamma (28)

Gestante in coma da mesi per una lesione cerebrale

Elvin.

I «personaggi principali» di questa meravigliosa storia dall’India: il bebè Elvin, …

Beteena e Elvin.

… accanto a lui la madre Beteena, …

Parenti e medici.

… al lato sinistro del letto due medici, al lato destro del letto due parenti e il marito di Beteena, Anoop. (© Figure: manoramaonline.com)

I medici avevano formulato una diagnosi molto sfavorevole per la madre gravida e per il suo bambino in gestazione. Solo un secondo parere ne impedì l’aborto. Il bebè venne al mondo vivo e vegeto – e poi successe il miracolo…

Il 2 gennaio 2018, Beteena era arrivata in ospedale più morta che viva, come riferì il quotidiano indiano Malayala Manorama. Un terribile infortunio le aveva provocato una lesione cerebrale. Nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale del circondario di Kottayam nello stato federale indiano di Kerala, i medici lottavano per tenere in vita la donna, giacente in coma. Ai parenti fecero capire: «Per lei non c’è più niente da fare.»

 

Incinta! Là, Anoop, marito di Beteena (con la quale aveva già un figlio di sei anni) confessò con le lacrime agli occhi che la donna era gravida! Così furono consultati anche i ginecologi. Dopo due settimane le condizioni di Beteena si stabilizzarono. Per il bambino, in gestazione da 7 settimane, però, ritenevano opportuno procedere all’aborto. Temevano infatti che il gran numero di esami quotidiani ai raggi X e a scansione, e l’energica terapia di antibiotici sulla madre avessero nociuto al bambino, il cui battito cardiaco si era sensibilmente abbassato.

Beteena – pur sempre in coma – fu trasferita per l’aborto nella clinica universitaria. Quei medici, però, trovarono, grazie al Cielo, la via giusta. Un intervento terapeutico, dissero, arrecherebbe danni alla madre. Il feto può anche essere espulso spontaneamente. Due settimane dopo fu constatato che il bebè si stava sviluppando normalmente!

 

Si risveglia! Alla 37a settimana di gravidanza i medici decisero di portare alla luce il bambino per taglio cesareo, e il 14 giugno 2018, senza complicazioni, venne al mondo un sano maschietto. E poi… «I medici affermano che quanto successe dopo la nascita del bebè fu un miracolo», scrive Malayala Manorama. Quando risuonarono gli esili gridi del neonato, gli occhi di Beteena si riempirono di lacrime e le sue mani fecero per muoversi, come se la donna volesse toccare il suo bambino. Si era risvegliata dal coma!

La voce e i sorrisi del bebè furono la medicina di Beteena. Il suo stato migliorò a vista d’occhio. Frattanto poteva muovere le mani e addirittura allattare il bambino. Il giorno del battesimo del piccolo, che ricevette il nome di Elvin, Beteena poté prendere posto per la prima volta su una sedia a rotelle. Per il marito Anoop, Elvin era chiaramente «un dono di Dio». I medici sono ottimisti che, con la terapia intensiva, Beteena potrà ritornare alla normalità.

 

Video consigliati

Messaggio del Presidente USA alla Marcia per la Vita di Washington

Il 19 gennaio 2018, per la prima volta un Presidente USA in carica si è rivolto in linea in diretta ai partecipanti della «March for Life» a Washington D.C. Seguite, in questa ripresa dal giardino della Casa Bianca, le osservazioni introduttive del vicepresidente Mike Pence e poi il discorso di Donald J. Trump (durata totale 13 minuti circa). – Lingua: inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: whitehouse.gov

Così tanta gente ha preso parte alla March for Life 2018!

Il 19 gennaio 2018 si è tenuta sotto condizioni meteorologiche ideali la 45a March for Life (Marcia per la Vita) a Washington D.C. Vedete qui a volo d’uccello una ripresa, comprimata a 1 minuto di durata, del  corteo quasi interminabile di manifestanti! – Video senza sonoro – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: studentsforlife.org

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch