nothing received yet
Ultraschallbilder
33 ragioni di avere un bambino
Ulteriori news
Notizie20.09.2018

Resistenza contro la legalizzazione dell’aborto

L’America latina aspramente combattuta – ultimo esempio: l’Argentina

Buenos Aires 4.8.2018.

Buenos Aires, 4 agosto 2018: centinaia di migliaia di persone sfilano in difesa della protezione di madri e bambini. (© Figura: Gustavo Pantano/Shutterstock)

I paesi in cui vigono leggi sull’aborto ancora restrittive sono sotto pressione. Sono all’ordine del giorno i tentativi di intimidazione con notizie di «pericolosi aborti illegali». I casi di aborto illegale stimati spesso raggiungono cifre vertiginose: che poi siano anche veritiere non è però affatto certo.

Cosa può avere spinto la maggioranza del senato argentino a votare, il 9 agosto 2018, contro la prevista introduzione della «soluzione dei termini»? Che sia forse stato l’impressionante corteo di centinaia di migliaia di persone (vedi foto) che cinque giorni prima del voto hanno ripetuto con forza il messaggio: «Salviamo entrambe le vite! – No all’aborto!»?

 

Argentina e Polonia. In Argentina l’aborto quindi rimane consentito solo in caso di stupro o pericolo di morte della madre. Queste «indicazioni» corrispondono a quelle in vigore in Polonia (dove, inoltre, un nascituro può essere «legalmente» soppresso anche in caso di gravi malformazioni).

In Argentina, i fautori dell’aborto hanno fornito stime secondo le quali vi sarebbero fra 300000 e 500000 «aborti illegali pericolosi» l’anno. Anche in Polonia, un paese paragonabile per numero di abitanti all’Argentina, vi sono stime analoghe: si situerebbe fra 150000 e 200000 il numero di aborti illegali praticati ogni anno. Una cifra del tutto impossibile, ritengono le organizzazioni di difesa della vita polacche. Certo, gli aborti illegali esistono, ma il loro numero non rappresenta un’emergenza sociale. Un chiaro indizio di ciò è che in Polonia, dall’introduzione nel 1993 di una legge restrittiva sull’aborto, i casi di complicazioni ginecologiche riconducibili ad interventi abortivi non sono aumentati, ma al contrario sono diminuiti in modo significativo. Anche il numero di aborti spontanei è diminuito di oltre il 30% (un aborto praticato in precedenza aumenta il rischio di aborto spontaneo).

 

Uno strumento popolare... La stima per eccesso del numero di aborti illegali è da decenni uno strumento popolare a cui ricorrono i fautori dell’aborto di tutto il mondo per sostenere l’aborto «legale» e indebolire il fronte degli oppositori. Che il senato argentino non abbia ceduto a questo tipo di propaganda e abbia deciso invece di proteggere madri e bambini merita grande rispetto.

 

Video consigliati

Messaggio del Presidente USA alla Marcia per la Vita di Washington

Il 19 gennaio 2018, per la prima volta un Presidente USA in carica si è rivolto in linea in diretta ai partecipanti della «March for Life» a Washington D.C. Seguite, in questa ripresa dal giardino della Casa Bianca, le osservazioni introduttive del vicepresidente Mike Pence e poi il discorso di Donald J. Trump (durata totale 13 minuti circa). – Lingua: inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: whitehouse.gov

Così tanta gente ha preso parte alla March for Life 2018!

Il 19 gennaio 2018 si è tenuta sotto condizioni meteorologiche ideali la 45a March for Life (Marcia per la Vita) a Washington D.C. Vedete qui a volo d’uccello una ripresa, comprimata a 1 minuto di durata, del  corteo quasi interminabile di manifestanti! – Video senza sonoro – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: studentsforlife.org

Un genio a un passo dall’essere abortito

Questo cortometraggio, di realizzazione professionale, si basa su un fatto reale. L’ambientazione riporta al 18° secolo: una gestante si trova sull’orlo di un baratro, e anche il bambino che porta in grembo è minacciato da distruzione… Ma non si arriva a tanto. Invece, alla fine la madre, nonostante il parto difficile, può dire in piena sincerità sì al bambino – o, per usare le parole del film, riesce «ad accogliere le note discordanti» per «comporre con queste una nuova melodia». – Lingua: tedesco con sottotitoli in inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: crescendomovie.com

Il festeggiato era stato abortito
Il festeggiato era stato abortito

È un pensiero che perseguita tante donne dopo un aborto: «Come sarebbe se il mio bambino fosse ancora vivo?» Nel cortometraggio «Aaron», una giovane donna si trova a combattere con questo interrogativo nel giorno calcolato per il compleanno del proprio figlio abortito: immagina di trascorrere la giornata con lui nel parco giochi. Il video culmina con la scena in cui la donna siede sola su una panchina e ode la voce di un bambino piccolo mormorare: «Ti amo, mamma. E ti perdono.» – Lingua: inglese con sottotitoli in italiano – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: lifesitenews.com

«Mamma, voglio raccontare che cos’è veramente l’aborto»

Il cortometraggio «To Be Born» («Nascere») tratta di una giovane donna alle prese con una gravidanza fuori programma e intenzionata di abortire. Nel mezzo dell’intervento si viene a trovare in una penosa situazione: ode la voce della sua figlioletta non ancora nata, che comincia a descrivere gli sconvolgenti particolari di quello che le sta succedendo. – ATTENZIONE: Questo film contiene scene e particolari probabilmente non adatti a minorenni e persone particolarmente emotive. – Lingua: Inglese – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: tobeborn.com – Commento: Cortometraggio con alcune immagini difficile da sopportare, ma realizzato con vera professionalità.

«Sangue del tuo sangue»

Videoclip rap «Dis Fleisch und Bluet» (Sangue del tuo sangue) – Stego feat. Cesca – Lingua: dialetto svizzero tedesco – Immagine più grande in migliore risoluzione: clic sul logo YouTube (link sulla pagina YouTube) – Fonte: stego.ch